Banking innovation/1

 

visual_expertise6

Siamo sull’orlo di una rivoluzione tecnologica. Non riuscite a vederla, ma sta arrivando, potente e veloce. L’innovazione è cruciale per la nostra industria”. Sentenzia così Antony Jenkins, CEO di Barclays, il 10 giugno scorso, giunto a Londra in occasione della Future of Financial Services Conference. E a ragione, se si guarda ai numeri che ha presentato nel corso del suo speech: ne basta uno – 24, la media delle volte in un mese in cui gli utenti usufruiscono dei servizi finanziari da mobile – per rendersi conto di quanto gli effetti dell’avanzamento tecnologico si stiano ripercuotendo sulle richieste dei clienti circa il banking retail.

E l’esigenza di innovazione nel settore bancario si avverte (finalmente) anche in Italia, in particolare per quel che riguarda la creazione di occasioni di scouting e accelerazione di nuovi prodotti e startup. Come H-BANK, organizzato da H-Farm, una maratona h24 interamente dedicata allo sviluppo di idee e progetti digitali per alcune aziende del settore (c’eravamo anche noi: qui trovate il nostro Storify!) e che il 12 e 13 luglio prossimi verrà replicata con un focus sui metodi di pagamento. Come anche il FinTech Accelerator di UniCredit Start Lab, che offre uno spazio fisico e servizi di accelerazione per le startup specializzate su tematiche Financial Technology, favorendo la creazione di possibili sinergie con UniCredit.

Ma quali strade percorrere per orientarsi nel marasma dell’innovazione in real time, a maggior ragione per un mercato – quello finanziario – che l’immaginario collettivo vuole statico ed ingessato? Abbiamo provato a concettualizzarne quattro, tra le molteplici possibili.

Schermata 2014-07-01 alle 15.26.02

1. Big data e customer intelligence

La possibilità di reperire una grande quantità di dati è un’opportunità per adottare un atteggiamento proattivo per la relazione con il clinete, sviluppando l’abilità di prevedere comportamenti e imprementare strategie di cross-selling e up-selling. Inoltre, le banche hanno accesso ai dati riguardo ai consumi. Questi dati possono essere usati in modo anonimo per analizzare i pattern di comportamento a servizio di ricerche in partnership con altri brand. Infine, le banche posso offrire soluzioni di couponing peronalizzate per i merchants che scelgono le loro soluzioni di pagamento.

 

2. Mobile

Il mobile è una tecnologia che sta prendendo sempre più piede. Ma le banche possono andare oltre, sviluppando user experience sempre più customizzate per le proprie app per i device mobili e focalizzando l’attenzione sui sistemi di pagamento come i mobile wallets e il trasferimento di denaro in p2p. A proposito, recentemente siamo stati alla presentazione del Mobile Wallet di Banca Mediolanum, nella splendida cornice del Castello Sforzesco di Milano.

 

3. Equity crowdfunding

Oltre ogni previsione, l’Italia è il first mover per quanto riguarda la regolamentazione dell’equity crowdfunding, insieme a USA, Australia, gli Emirati Arabi, Cina, Hong Kong e Singapore. Con l’equity crowdfunding le persone possono supportare i progetti di startup e diventarne loro stessi shareholder. Le banche, soggetti privilegiati dal regolamento Consob, possono entrare nell’ecosistema del crowdfunding per potenziare l’accesso ai capitali per le startup, apportando contemporaneamente nuove possibilità di investimento per i propri clienti.

 

4. Nuovi strumenti per le micro imprese

Il portfolio clienti è un asset fondamentale per le banche. Comprendere i bisogni dei clienti nel particolare mercato delle micro e piccole imprese, rappresenta senza dubbio un driver per l’innovazione. In generale, si può lavorare su tre bisogni delle micro imprese:

  • avere accesso al mercato locale e globale;
  • disporre di nuovi strumenti e applicazioni per la contabilità e la pianificazione come estensioni degli strumenti di internet banking già a disposizione;
  • soluzioni di e-commerce ready-made integrate con sicuri sistemi di pagamento.

 

I margini di miglioramento ci sono. Le idee anche, e le startup FinTech sono in fermento (perfino in Italia). Non resta che iniziare ad innovare!

 

Advertisements
Tagged , , , , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: